Nel V Canto dell’Inferno dantesco, viene raccontata la ben conosciuta storia di Paolo e Francesca, cognati ma innamorati, vinti da un grande amore che li conduce alla morte per mano del marito di lei. Anima condannata al cerchio dei lussuriosi, a Dante la bella Francesca spiega che tutto accadde leggendo il libro che raccontava l’amore tra Lancillotto e Ginevra.

Forse non tutti sanno che il libro galeotto fu letto in un luogo di fascino e romanticismo che ancora oggi esiste e che si trova in provincia di Pesaro e Urbino: è il Castello di Gradara, scenario dove prese vita questa storia di passione e tragedia che Dante descrisse con mirabili versi:

E quella a me: “Nessun maggior dolore
che ricordarsi del tempo felice
ne la miseria; e ciò sa ‘l tuo dottore. 123
Ma s’a conoscer la prima radice
del nostro amor tu hai cotanto affetto,
dirò come colui che piange e dice. 126Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto. 129

Per più fïate li occhi ci sospinse
quella lettura, e scolorocci il viso;
ma solo un punto fu quel che ci vinse. 132
Quando leggemmo il disïato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso, 135la bocca mi basciò tutto tremante.
Galeotto fu ’l libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante”. 138

La splendida fortezza medievale, protetta da due imponenti cinte murarie, la più esterna delle quali si estende per quasi 800 metri, sorge nel colle di Gradara, da sempre terra di confine tra Marche e Romagna e, come suggerisce il nome (“grata aura”, ossia aria buona), luogo ameno e ospitale, bello, nella sua atmosfera medievale, e tranquillo, nelle sue strade senza fretta.

Sullo sfondo di questo castello turrito che ospitò famiglie come i Malatesta, gli Sforza, i Borgia e i Della Rovere e che vide consumarsi la tragica vicenda amorosa di Paolo e Francesca, dal 9 al 13 agosto prenderà vita un evento unico e affascinante che non poteva avere location migliore: The Dragon Castle, celtic magic festival.

Musica, mercatini, spettacoli, allegria folletti e altre magiche creature riempiranno le vie del borgo marchigiano e, assieme, una girandola di ricette e prodotti tipici tutti da provare: vincisgrassi, olive all’ascolana, crescia al formaggio, i pregiati tartufi o gli ottimi insaccati, come il ciavuscolo.

Sapori e colori, magia e musica, tradizione e vitalità, leggenda e suggestione, storia e cultura, sorpresa e divertimento…quanti binomi vincenti! E li potrete trovare tutti a Gradara, tra qualche giorno, dove potrete rilassarvi vivendo un evento originale e frizzante e dove potrete immergervi nel fascino eterno della storia, della letteratura e della leggenda, che si respirano in ogni via all’ombra di un castello di inarrivabile incanto.

Ecco alcuni degli agriturismi nella provincia di Pesaro e Urbino:

Camera con camino

La Grotta dei Folletti

Mercatello sul Metauro

Camera (2 – 20 posti letto)

Posto indicato per coloro che vogliono trovarsi immersi nella semplicità e nella natura.

Cà Maggio Nuovo

Cagli

Intera struttura (2 – 8 posti letto)

Benvenuto nelle Marche. Faremo di tutto per farvi trascorrere un piacevole soggiorno.

Ca’ Tommaso

Fermignano

Camera (1 – 8 posti letto)

L’Agriturismo Ca’offre un paesaggio ondulato e verdeggiante, con belle viste di boschi di roverella, carpino nero, ornello e macchie di ginestra che offrono un’alternanza cromatica nelle varie stagioni.

Ca’ Quattrocchi

Apecchio

Camera (6 – 16 posti letto)

Il casolare, dopo una recente ristrutturazione, è stato suddiviso in 2 appartamenti totalmente indipendenti, Monte Vicino e La Cerreta, all’interno dei quali possono soggiornare rispettivamente fino a…

Publica un comentario

*Los campos marcados son obligatorios