” Hey Signor Bilbo, dove andate? ”
” Non posso fermarmi, è già tardi. ”
” Tardi per cosa? ”
” Sto partendo per un’avventura!”

La prima delle tre pellicole tratte da Lo Hobbit, romanzo capolavoro di J.R.R.Tolkien, vede Bilbo Baggins, un giovane hobbit (una delle razze che popolano Arda, l’universo immaginario fantasy creato dallo scrittore), partire con tredici nani guidati da Thorin Scudodiquercia e lo stregone Gandalf il Grigio per cercare di riconquistare il regno di Erebor e il suo prezioso tesoro, entrambi conquistati dal drago Smaug.

Il secondo capitolo della trilogia di film, Lo Hobbit: La desolazione di Smaug, continua a seguire le avventure del protagonista Bilbo Baggins nel suo viaggio con il mago Gandalf  e i tredici nani, verso l’epica ricerca per reclamare il Regno dei nani di Erebor. Attendendo la sua uscita nelle sale cinematografiche, esattamente tra un mese, il 12 dicembre, inganniamo l’attesa volando di luogo in luogo, nei magici scenari dove il romanzo e dunque anche la trilogia, sono ambientati.

I luoghi de Lo Hobbit sono i magici scenari della Nuova Zelanda, ma se avessero girato questo capolavoro del cinema fantasy in Italia? Sono davvero molti i luoghi d’incanto che non hanno nulla da invidiare alla Montagna Solitaria.

La Montagna Solitaria

Luogo culmine degli eventi narrati ne Lo Hobbit, la Montagna Solitaria è un rilievo isolato che si trova nel nord della Terra di Mezzo e dalla quale nasce il fiume Flutti. E se fosse una delle Tre Cime di Lavaredo? Tre massicci conoscuti in tutto il mondo, meta di appassionati scalatori e alpinisti, tutte da vedere e facilmente accessibili sia dalla provincia di Belluno, da Auronzo e dal lago di Misurina, sia dalla Val di Sesto e da Dobbiaco. Bilbo e Thorin Scudodiquecia riuscirebbero a conquistarle?

Gran Burrone, un incanto di rocce e cascate

«In quella valle il male non era mai penetrato». Tolkien si riferiva a Gran Burrone, paradisiaco luogo dove vivono gli Elfi, situato in una valle nascosta tra le pendici delle Montagne Nebbiose e uno stretto meandro del fiume Bruinen.

Bilbo Baggins fa tappa a Gran Burrone, assieme a Gandalf e ai Nani della compagnia, durante il viaggio di andata verso la Montagna Solitaria… qui mi taccio, altrimenti c’è il rischio di spoiler. Dove si può trovare, in Italia, un setting tanto meraviglioso? Una delle regioni che più ci offre declivi incantati, con cascatelle, bellezza ed elegante maestosità è il Trentino. In questa terra di natura e tradizioni, di paesaggi fiabeschi e ottimi piatti tipici, sono molti gli angoli che ricordano mondi altri e affascinanti; presso la cascata del Pison ad esempio è facile lasciarsi incantare dalle splendide evoluzioni dell’acqua che cade nel torrente Meledrio; o alla cascata del Rio Bianco, o ancora davanti alle cascate Nardis con la loro irruenza.

La Grotta di Gollum

C’è un luogo in cui Gollum, l’ambiguo e importante personaggio tolkiano, in bilico tra il bene e il male, si troverebbe a suo agio: le Grotte di Frasassi, in provincia di Ancona, nelle Marche.

Abitante di una dimora ctonia, misteriosa e fascinosa, in questo labirinto di stalattiti e stalagmiti, in questo perfetto e magico ecosistema ipogeo, il nostro Gollum si troverebbe davvero a suo agio.

Sculture naturali ad opera di stratificazioni calcaree nel corso di 190 milioni di anni grazie all’opera dell’acqua e della roccia, piccoli laghetti, umidità, cavità, profondità… si, decisamente Peter Jackson avrebbe scelto Frasassi.

Vita da Hobbit

Fonte: La Grotta dei Folletti

Un po’ rustiche, un po’ romantiche, immerse nella natura, accoglienti e avvolgenti: tutti vorrebbero una casetta da Hobbit! Beh, in provincia di Pesaro Urbino un agriturismo potrebbe realizzare questo desiderio, almeno per qualche giorno: è La Grotta dei Folletti. Il nome già anticipa ciò che aspetta il turista rurale la cui fantasia saltella verso mondi lontani. Soffitto di travi, muri di pietra, caminetto in un angolo, calde trapunte a scacchi, poltrone, luci delicate…un luogo rassicurante, rilassante, dai contorni di fiaba, un luogo che merita il suo bel nome.

Una versione un po’ più “meridionale” delle splendide casette degli hobbit si trova in provincia di Brindisi, nella bella Puglia bagnata dal mare.

Fonte: _Zeta_

Sono i Trulli di Cisternino, antiche costruzioni circolari i cui tetti stagliati sul rosso di un crepuscolo evocano ricordi di terre visitate solo nei più bei sogni. Si, io credo che queste costruzioni sarebbero molto graditi alle creature della Terra di Mezzo.

E quanti, tanti, innumerevoli angoli magici d’Italia potremmo citare ancora, scovare, in una vallata, vicini ad un lago, in una foresta, tra le montagne, nei nostri monumenti… Luoghi fantastici, tra i quali l’immaginazione e il sogno galoppano, un trionfo di suggestione. Viviamo circondati da scenari da film, Lo Hobbit incluso!

Ecco il trailer di Lo Hobbit 2:

Publica un comentario

*Los campos marcados son obligatorios