È ben noto che il  miele ha moltissime proprietà ed è un prezioso nutriente oltre che un alleato del nostro sitema immunitario. Come è noto, ne esistono di diversi  tipi, che dipendono dalle piante visitate dalle api e che si distinguono per consistenza, sapore e colore.

In tutte le regioni italiane si produce miele di ottima qualità. L’apicultura, anche “amatoriale” e non solo, come attività commerciale, è molto diffusa.

Le proprietà di questo tesoro della natura sono ben note ed apprezzate dai tempi antichi. Ancora prima dei greci e dei romani furono gli egizi a conoscerne le molteplici qualità. In alcune piramidi gli archeologi hanno ritrovato vasetti di miele in perfette condizioni.

Il miele è principalmente composto da glucosio, fruttosio, polline ed acqua ed è ricco di vitamine; contiene diversi minerali (rame, ferro, iodio, manganese, silicio, cromo), ma a anche elementi battericidi.

Tradizionalmente la combinazione latte con miele è l’ideale per paliare i sintomi del raffreddore. In verità non è proprio l’ideale perchè il latte aumenta la mucosità.

Il miele più caretteristico è forse quello di millefiori, che si trova più comunemente sugli scaffali del supermercato. I mieli monofloerali, dal chiaro miele d’acacia, allo scuro miele di castagno, hanno un sapore ed un aroma più forti e molto caratteristici.

L’elenco delle varietà di mieli monofloreali prodotti sul territorio italiano è veramente infinito: miele di acacia, di carrubo, di eucalipto, di zagara, di tiglio, ma anche di melo, di rosmarino, di girasole…

La regione del Molise è forse meno conosciuta per la produzione di mieli, ma non per questo meno ricca di varietà. Oltre al classico millefiori vi si possono tovare il miele di castagno che si sposa benissimo con il formaggio pecorino, il miele di girasole, il miele di sulla…

Per andare alla scoperta delle ricchezze naturali, e non solo, di questa regione, vogliamo consigliarvi alcuni agriturismo e strutture ricettive:

Metti un commento

* I campi richiesti sono contrassegnati